Raggiungere il picco

Raggiungimento del Picco nel triathlon.

Novembre 27, 2018 0

 

Oggi l’Acido Lattico vuole parlarvi del raggiungimento del Picco nel triathlon. Come si raggiunge il picco? Quali sono gli accorgimenti che bisogna seguire perché questo si verifichi? Quanti se ne possono raggiungere in una stagione? Basta smettere di allenarsi duramente qualche giorno o settimana prima della gara?

Cos’è il Peak?

La periodizzazione è un passaggio fondamentale se si vuole incrementare il livello di performance di un atleta. A tal proposito ho scritto un articolo che ti può interessare: Periodi fondamentali e programmazione annuale nel triathlon. La periodizzazione, quindi, viene impostata e programmata per raggiungere il periodo di forma migliore in un determinato momento della stagione. Questo periodo viene chiamato Peak (picco) ed è situato dove avremo le nostre gare obiettivo.

Il peak (picco) è il momento o i momenti durante la stagione dove abbiamo raggiunto il nostro massimo livello di forma. Durante la stagione ci possono essere massimo tre picchi.

È credenza tra gli atleti che per raggiungere il picco basti ridurre il carico di lavoro qualche giorno prima della gara, ma non è così. Infatti quando viene raggiunto il picco avvengono molti cambiamenti fisici come: incremento della forza negli arti inferiori, riduzione dell’acido lattico prodotto, incremento del volume del sangue, maggior concentrazione di cellule rosse e aumento del “carburante” stoccato.

Come si raggiunge il picco?

Il periodo in cui si vanno a bilanciare tutte le variabili per ricercare il picco va da 10 a 21 giorni. Nel triathlon la ricerca del picco è più difficile che in altri sport perché essendo composto da tre discipline molto differenti tra loro i tempi di riduzione delle variabili cambiano di sport in sport.

L’esatta lunghezza di questo periodo varia a seconda di due parametri: quanto è in forma il nostro atleta (o te stesso se ti auto-alleni) e per quale gara si sta allenando.

È fondamentale capire che: più sei fuori forma più è importante allenarsi e cercare di incrementare il livello di fitness fino ai 10 giorni dalla gara. Però allenarsi con un grande carico di lavoro prima di 10 giorni dalla competizione non produrrà un incremento ulteriore di forma.

Adesso vediamo quali sono le regole generali che bisogna seguire per raggiungere il picco. Esse sono:

Riduci il volume

A seconda della lunghezza del periodo a disposizione per ricercare il picco (da 10-21 giorni), dovrai ridurre il volume di settimana in settimana. Se si hanno 21 giorni allora ci sarà una riduzione di circa il 20% del volume rispetto alla settimana precedente. Se si hanno circa due settimane bisogna ridurre del 30% circa, mentre se si ha optato per una ricerca del picco in 10 giorni il volume dovrà essere dimezzato, ovvero del 50%, dell’intero periodo.

Mantenere la frequenza

Significa attuare una riduzione del volume cercando di mantenere un numero di almeno due o tre allenamenti a settimana per disciplina. Questo perché allenandosi con meno sessioni si potrebbe verificare una perdita del feeling da parte dell’atleta nelle discipline; soprattutto nel nuoto. Quindi si dovrà applicare una riduzione del volume inteso come ore di allenamento al giorno ma non come numero di allenamenti a settimana.

Mantenere l’intensità

L’intensità è il parametro che permette di incrementare il nostro livello di fitness (leggi: 4 metodi per non sbagliare più l’intensità dei tuoi allenamenti). Joe Friel dichiara che un allenamento ad intensità di gara ogni 72-96 ore, è lo stimolo che serve all’atleta in questo periodo della stagione per raggiungere il peak. L’intensità dovrà essere vicina a quella della gara che andremo ad affrontare.

Allenarsi in modo facile

Gli altri allenamenti dovranno essere condotti ad una andatura facile per facilitare il recupero fisico e mentale.

 

I punti elencati sopra parlano di volume, intensità e frequenza. Questi parametri vengono manipolati e messi in relazione tra di loro per far si che ci sia un aumento progressivo nella difficoltà degli allenamenti. Una parte fondamentale se si vuole raggiungere i propri obiettivi! Per questo ho scritto un articolo più dettagliato: Progressività dello stress di allenamento.  

Ma, come abbiamo appena visto, bisogna anche imparare a manipolarli per raggiungere il picco. Quindi andando a diminuirli e non sempre e solo ad aumentarli.

Non perderti tutti gli articoli e i post di L’Acido Lattico su Facebook e Instagram.

 

Bibliografia

  • Friel Joe, (2009). The triathlete’s Training Bible, 3° edizione (pp. 27-32). Boulder, Colorado, USA: Velo Press.

 

Photo by louis tricot on Unsplash

 

 


Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *