fbpx
Test FTP 8 minuti.

Test FTP 8 minuti: è veramente utile?

Aprile 12, 2020 0

Oggi L’Acido Lattico descrive il test della FTP 8 minuti. Ho già scritto due articoli riguardo la Functional Threshold Power:

Nel primo articolo ho analizzato la FTP dal punto di vista fisiologico e il perché è un dato fondamentale, per gli atleti e gli allenatori.

Nel successivo ho analizzato l’affidabilità, la validità e la ripetibilità del test della FTP eseguito sui 20’ come alternativa al test eseguito sui 60 minuti. Descrivendo: due protocolli di riscaldamento diversi; come eseguire il test e l’analisi dei risultati.

In questo articolo analizzo un nuovo protocollo di test. Essendo un test massimale di 8’ potrebbe essere applicabile a molte più persone, proprio per la sua durata.

 

INDICE

  • Descrizione degli studi presi in esame;
  • Scopi dei vari studi;
  • Il test FTP8 è affidabile o no?
  • Conclusioni personali.

 

DESCRIZIONE DEGLI STUDI PRESI IN ESAME

Una nota positiva degli studi che ho scelto è quella di aver preso in esame un’ampia varietà di atleti. Per lo studio di Gavin ed altri., hanno partecipato ciclisti allenati di età 39 ± 3 anni per uno scopo dello studio, mentre per l’altro l’età era compresa tra 34 ± 4 anni. Sanders ed altri., hanno usato ciclisti ben allenati giovani: età 22 ± 2 anni. Mentre l’ultimo studio, di Klika ed altri., analizza il test della FTP8 con ciclisti di mezza età (46,5 ± 10 anni) di cui 36 uomini e 20 donne.

Per gli allenatori questo è un grande vantaggio.

 

SANDER

Due furono gli scopi principali di questo studio:

  • Studiare la relazione tra il test FTP 8 minuti e le variabili fisiologiche caratteristiche dell’endurance ricavate con un test incrementale in laboratorio;
  • Comparare la soglia del lattato ricavata in laboratorio con la FTP stimata dal test FTP 8 minuti.

Il test FTP8 fu eseguito dopo il seguente riscaldamento:

  • 10 – 20 minuti a <60% della potenza (Watt) alla concentrazione di 4 mmol/L;
  • 5 minuti a 90% della potenza alla concentrazione di 4 mmol/L;
  • 5 minuti a <60% della potenza alla concentrazione di 4 mmol/L.

Come avrai notato se hai letto l’articolo sul test FTP20’, questo protocollo di riscaldamento è diverso dal quello proposto da Allena e Coggan e da quello utilizzato in altri studi.

CALCOLO DELLA FTP 8 MINUTI

La FTP fu calcolata con la seguente formula:

 

FTP = Potenza media durante gli 8’ x 0,90

 

Le variabili misurate in laboratorio furono ricavate da un test incrementale (per approfondire leggi: Test VO2max sul cicloergometro). Il test iniziò alla potenza di 100 watt e incrementava di 40 watt ogni 4’. Il test finì con l’esaurimento volontario o quando la cadenza andava al di sotto di 70 rpm e il ciclista non era più capace di aumentare.

Convenzionalmente la soglia anaerobica viene definita alla concetrazione di 4 mmol/L. Ho trattato questo argomento nell’articolo: FTP – Functional Threshold Power.

Sanders ed altri, trovarono una grande correlazione tra il test FTP8 e le variabili fisiologiche caratteristiche dell’endurance come: Watt max; VO2max. Però, i risultati mostrano una differenza importante tra la potenza espressa alla soglia stimata con il test sul campo e quella espressa alla concentrazione di 4 mmol/L di lattato durante il test da laboratorio (21 ± 20 watt).

Ecco perché i ricercatori hanno concluso che questo test è molto utile per il valutare i cambiamenti nello stato di forma di un atleta. Però, allo stesso tempo bisogna maneggiare con cura il dato della FTP per calcolare le zone di allenamento proprio per questa ampia differenza di watt.

GAVIN

Anche questo studio aveva due scopi:

  • Valutare la metodologia più adeguata a calcolare la potenza alla soglia del lattato;
  • Comparare la potenza espressa alla soglia del lattato con il risultato della FTP8.

Nel corso di molti studi, anche relativi ai corridori, si sono usate diverse misurazioni per calcolare la soglia del lattato (LT). Così durante un test incrementale sul cicloergometro sono stati estrapolati i dati per determinare la soglia del lattato secondo le 4 metodologie più comuni. Le quali sono:

  • LT + 1 mmol/L di concentrazione di lattato rispetto alla soglia basale;
  • LT + 1 mmol/L di concentrazione di lattato rispetto alla misurazione precedente;
  • LT visuale, determinata dalla valutazione visuale grafica da parte di due esaminatori;
  • LT alla concentrazione di 4 mmol/L.

Gli atleti svolsero il test FTP 8 minuti sul campo. La potenza alla FTP fu calcolata con la stessa formula dello studio di Sanders.

Questo studio trovò una correlazione positiva tra la potenza stimata con il test da campo e quella espressa alla LT 4 mmol/L. Una differenza sostanziale tra questo studio e quello differente.

 

KLIKA

Questo studio ha adottato una linea diversa rispetto ai due precedenti. Gli studiosi decisero di esaminare l’efficacia del test FTP8 per: valutare lo stato di forma iniziale, calcolare le zone di intensità (per approfondire leggi: Principi generali dell’allenamento) e valutare i cambiamenti alla fine del periodo di intervento. I risultati furono comparati con i dati ricavati da test in laboratorio.

I parametri misurati furono: VO2max, potenza alla LT, potenza massima e la potenza media espressa durante il test da campo.

I candidati fecero il test da campo prima del periodo di intervento e alla fine. In questo studio uno scopo era quello di usare il dato ricavato dal test FTP8’ per calcolare le zone di intensità. Così, per le successive 8 settimane in cui i ciclisti usarono le zone di intensità calcolate con il metodo di Carmichael.

Qui di sotto potete vedere la tabella delle zone.

Zone di intensità secondo il modello di Carmichael.

Zone di intensità secondo il modello Carmichael.

 

Le sessioni di allenamento furono di 1h: 10’ riscaldamento + 40’ lavoro + 10’ defaticamento.

I risultati di questo studio mostrano che alla fine delle 8 settimane di intervento tutte le variabili fisiologiche aumentarono significativamente. Quindi il test da campo su 8’ si è rivelato utile per:

  • la valutazione dello stato di forma iniziale;
  • il calcolo delle zone di allenamento per la prescrizione degli allenamenti;
  • la valutazione del cambiamento dello stato di forma.

Questo rispecchia molto quello che noi allenatori facciamo e desideriamo da un test. L’unico dato più alto fu proprio la potenza alla LT stimata con il test da campo rispetto a quella misurata in laboratorio. Precisamente 18 watt maggiore quella del test da campo.

 

IL TEST FTP 8 MINUTI È AFFIDABILE O NO?

Nel tre articoli precedenti abbiamo visto differenti protocolli per valutare se il test FTP8 possa essere usato per la valutazione dello stato di forma iniziale, dei cambiamenti dello stato di forma durante la stagione e per il calcolo delle diverse zone di intensità da usare in allenamento.

Per capirlo gli studi hanno confrontato il dato stimato con il test da campo con i parametri fisiologici principali delle discipline di endurance calcolati in laboratorio. Solo l’ultimo studio però ha adottato un protocollo sperimentale molto simile a come si muovono gli allenatori fuori dai laboratori.

Uno punto fondamentale è che tutti e tre gli studi hanno preso in esame dei partecipanti di età e stato di forma differenti. Quindi abbiamo a disposizione una visione più generale.  Da ciclisti giovani e ben allenati (Sanders ed altri.) a ciclisti amatori di età avanzata.

Tutti e tre gli studi concordano che il test FTP8 è utile per valutare i cambiamenti dello stato di forma degli atleti. Solo uno però (Klika ed altri.,), dichiara che è utile anche per il calcolo delle zone di allenamento.

 

COCLUSIONI PERSONALI del TEST FTP 8 MINUTI

Personalmente non ho mai eseguito il test di 8’, ma solo su 10 o 15 minuti. Credo sia fondamentale il test della FTP per un ciclista o un triatleta che voglia migliorare le proprie prestazioni. Sia che si tratta del test FTP20 o FTP8. Sicuramente un test di tipo massimale di 8′ è più facile da applicare rispetto a uno di 20′. Infatti potrebbe essere una valida alternativa per molti amatori o neofiti che non sono pronti ad affrontare uno sforzo così impegnativo.

Non tutti gli studi pensano che il risultato del test FTP 8 minuti possa essere usato per il calcolo delle zone d’allenamento, penso che l’esperienza dell’allenatore sia importante anche in questo caso. Il mio allenatore calcola le zone di intensità basandosi sul test ma poi le regola in base alla persona che ha davanti. Le differenze individuali possono essere molto elevate.

 

 

Federico Baudino.

 

BIBLIOGRAFIA

 

  1. Gavin, T. P., Van Meter, J. B., Brophy, P. M., Dubis, G. S., Potts, K. N., & Hickner, R. C. (2012). Comparison of a field-based test to estimate functional threshold power and power output at lactate threshold. Journal of Strength and Conditioning Research, 26(2), 416–421. https://doi.org/10.1519/JSC.0b013e318220b4eb
  2. Klika, R., Alderdice, M., Kvale, J., & Kearney, J. (2007). Efficacy of cycling training based on a power field test. Journal of strength and conditioning research / National Strength & Conditioning Association, 21, 265–269. https://doi.org/10.1519/R-19085.1
  3. Sanders, D., Taylor, R. J., Myers, T., & Akubat, I. (2017). A field-based cycling test to assess predictors of endurance performance and establishing training zones. Journal of Strength and Conditioning Research. https://doi.org/10.1519/JSC.0000000000001910

 

 

 


Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *