Tutto Sotto Controllo!

marzo 14, 2018 0

Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento nei confronti del problema.

L’altra sera parlando con un’amica è uscita fuori una frase già sentita più volte: non ti preoccupare delle cose che non puoi controllare!
Strano ma non stavamo parlando di sport, ma di situazioni della vita di tutti i giorni. Molti di noi, mi ci metto pienamente in mezzo, ci preoccupiamo sempre di avere tutto sotto controllo. Perché fa ci sentire bene, tranquilli. Non vogliamo sempre avere qualche “bella o brutta” sorpresa, ma anzi ci piace rimanere nella nostra comfort zone. Dove sappiamo quello che dobbiamo fare e come farlo.
Non c’è nulla di più sbagliato! Proprio perché ci sono e ci saranno sempre situazioni, cose e persone che non andranno o non faranno quello che noi vogliamo o come vogliamo. La crescita professionale e personale è fuori della nostra comfort zone!

E nello sport?

Naturalmente essendo affetto da un disturbo ossessivo compulsivo nei confronti dello sport mi porto dietro questa “filosofia” anche in questo mondo. Cosa vuol dire questo?
Ti faccio un esempio stupido: sei in gara e uno davanti a te cade. Le conseguenze possono essere: fa cadere anche te o semplicemente ti rallenta facendoti perdere il contatto anche con gli altri atleti del gruppo. Può succedere in una gara di bici, in una gara di triathlon oppure in una gara di trial mentre stai correndo come un matto in discesa per recuperare ancora qualche secondo a quelli davanti o staccare quelli dietro!
Bene, questa è una situazione che non puoi controllare! Concordi con me?

Due diversi modi reagire

Non potevi prevedere di finire per terra per colpa di un altro o di essere staccato. Però potresti aver preventivamente controllato tutte quelle variabili che, da questo momento in poi, ti aiuteranno a finire la gara e forse riuscendo ancora a  raggiungendo l’obiettivo che ti eri prefissato. Quelle variabili che avevi controllato ti permetteranno di decidere cosa fare nel minor tempo possibile: sprintare per recuperare il gruppo di testa o cambiare strategia di gara.

Pensi siano cose ovvie? Beh, non so tu ma io quando ho il cuore che pompa a 180 battiti e fiumi di adrenalina in circolo trovo difficile essere ragionevole, ma è proprio questo che fa la differenza tra arrivare al traguardo avendo raggiunto i tuoi obiettivi o arrivarci e basta! Nel minor tempo possibile perché, parlandoci chiaro, nello sport endurance dove l’obiettivo è quello di far registrare il tempo più basso non puoi permetterti di stare con le mani in mano. Se perderai troppo tempo a prendere una decisione nel 99% dei casi sarà sbagliata oppure inefficace e molto probabilmente la stessa decisione presa 5 secondi prima poteva essere giusta!
In qualsiasi gara o allenamento ci troveremo ad affrontare delle situazioni che non avevamo previsto, quindi situazioni che non potevamo controllare direttamente. Ma nel momento in cui succedono possiamo controllare il nostro atteggiamento nei confronti del problema.
Siamo sportivi e come tali viviamo l’80% della nostra vita senza avere nulla sotto controllo, completamente fuori dalla nostra comfort zone! È lo sport e ci piace così!
In alternativa possiamo stare sul divano a guardare la tv, ma probabilmente anche qui arriverà qualcuno a fregarci il telecomando e addio controllo!

Ma quindi cosa posso controllare?

La buona notizia è che ci sono molto cose che potrai controllare direttamente sia nella vita di tutti i giorni che durante gli allenamenti, per fare in modo di abbassare la percentuale delle situazioni out of control (l’inglese fa sembrare tutto più figo) e imparare a gestirle al meglio.

C’è ne sono migliaia, ma potresti iniziare da quelli più semplici come:

  • puoi decidere i tuoi allenamenti programmandoli al meglio tu stesso o scegliendo l’allenatore che più si adatta a te;
  • scegliere bene cosa mangiare e come, il cibo è il nostro carburante (prova a mettere la benzina in una diesel e vedrai il risultato);
  • puoi decide il tuo umore ogni giorno;
  • puoi decidere a che ora andare a dormire, quindi se essere attivo e riposato il giorno dopo per gli allenamenti e il lavoro;
  • hai la possibilità di decidere e devi decidere di cambiare e impostare la tua vita in base ai tuoi obiettivi per fare in modo di mantenerti motivato, felice di perseguire il tuo obiettivo e di fare anche altro;
  • puoi decidere di allenarti in gruppo o da solo, nel primo caso ti aiuterà a sperimentare tante situazioni diverse come se fossi in gara;
  • avrai la supremazia di decidere chi ascoltare e chi invece è meglio lasciar perdere;
  • ma soprattutto puoi decidere se farti influenzare da cose che non puoi controllare ed essere sempre nervoso e stizzito o cambiare felicemente atteggiamento!

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici, questa è un’altra cosa che puoi controllare!!


Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *