Yoga e sport sono un’alleanza perfetta.

Dicembre 3, 2018 0

Oggi L’Acido Lattico vuole parlarvi di Yoga e sport che si sono scoperti negli essere un’alleanza perfetta!!

Forse non tutti gli atleti e gli sportivi sono a conoscenza del fatto che nel riscaldamento e durante i momenti di preparazione prima della performance, praticano anche lo Yoga!

Lo Yoga non è uno sport, ma una filosofia, uno stile di vita, un preciso approccio mentale e fisico verso l’atto che sto per compiere. Infatti la parola Yoga deriva dalla radice sanscrita “Yui” che significa soggiogare, unire. Quindi il suo significato è “soggiogamento”, inteso come disciplina del corpo e della mente. Inizi a capire il perchè noi la definiamo un’alleanza perfetta e indispensabile?!

Come si uniscono sport e yoga?

Ogni sport racchiude degli “asana” (posizioni statiche) e dei “mudra”, (gesti – ripetute).

Quale runner non è mai sceso in “Janusirshasana” (posizione della testa al ginocchio) per allungare tutta la catena posteriore delle gambe?!

Posizione del Signore della Danza.

Oppure ciclisti che allungano i quadricipiti in “Natarajasana” (posizione del Signore della danza)?!

 

Mentre i nuotatori ed apneisti sono soliti praticare il “pranayama” (giusta gestione del respiro) in tutte le sue varianti.

Le ballerine e le ginnaste, invece, si vedono nella loro tipica posizione di “Bhadrasana” (posizione della farfalla o del ciabattino) per le giunture inguinali.

E gli altri sport?

Visto quanto detto precedentemente sembrerebbe contraddittorio dire che solo alcuni sport si trovano reale e utile applicazione dello Yoga. Infatti dobbiamo ampliare la nostra mente. Lo yoga può essere applicato agli sport con un componente atletica più elevata, come: basket, sci, pallavolo e il tanto nostro amato calcio. Ma anche gli sport che hanno una componente più di concentrazione, di gestione del respiro, equilibrio e visualizzazione hanno molto bisogno dello Yoga. Come ad esempio nella scherma, nel biliardo e nel tiro con l’arco.

Insomma lo YOGA lo possiamo trovare ovunque.

E la domanda nasce quasi spontanea: “E’ nato prima lo Yoga o prima lo Sport?”

Effettivamente non si possono paragonare in quanto, come ho detto prima, lo Yoga è uno stile di vita, ma considerando che Yoga significa anche “unire”, diciamo che il paragone è accettabile.

Se prendiamo un neonato, ovviamente, non sa giocare a calcio o a basket; forse sa inconsciamente stare in apnea, ma non sa sicuramente nuotare. Ma se al neonato prendessimo un piedino e provassimo a portarglielo dietro la schiena o a fargli incrociare le gambe nella Posizione del Loto, sicuramente non gli si romperebbero le giunture del piede o delle ginocchia. Anzi, qualsiasi posizione gli facessimo assumere non si farebbe male e non avrebbe alcuna ripercussione, come invece capita a noi adulti. Questo ci dimostra che lo Yoga è nato con l’uomo, è innato in lui, è nella sua natura!

Purtroppo fin dalla culla e così per tutta la vita, assumiamo posture errate, facciamo poca attività fisica, abbiamo una scarsa cultura del nostro equilibrio psico-fisico. Questo porta il nostro corpo ad un disfacimento incredibile con tutte le conseguenze cliniche che gli ospedali ci offrono.

Invece chi ha la fortuna o l’attitudine, di praticare uno sport fin da bambino, porterà con se un bagaglio incredibile di esperienze che lo faranno crescere in tutti i campi della sua vita!

Allora cosa è meglio fare: Praticare Yoga o fare Sport?

Qui la filosofia orientale ci viene in soccorso e fra i tanti detti dei suoi saggi e praticanti Yogi ce n’è uno che ci riporta alla radice sanscrita “YUI” – “UNIRE”. Perché dice che la via di mezzo è sempre la migliore.

Quindi non dobbiamo scegliere fra le due attività. Possiamo unire Sport e Yoga, anzi renderci consapevoli che lo sono già e che approfondendo la conoscenza di questa interazione, possiamo trarne dei miglioramenti sensibili e inimmaginabili!!

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e poi correte a fare una lezione di Yoga. Se siete nella provincia di Torino scriveteci e venire a farlo con me.

 

Alla scoperta di un nuovo membro del Team di L’Acido Lattico

Mi chiamo Alessandro Consoli, nato nel mondo, perché noi tutti ci nasciamo; sotto una stella di gennaio, perché non nasciamo sotto un cavolo, ma sotto una Stella! Ognuno di noi fin dalla nascita ne ha una nel Cielo che lo seguirà sempre! La mia è quella del Capricorno, di un anno lontano…. il ’64, ma il mio motto è “Si è vecchi…quando si è morti!”

Sono uno Yogi (praticante Yoga), ma lo siamo tutti, basta  riscoprirsi tali. Per cui mi sono riconosciuto Yogi circa trent’anni fa grazie alla mia passione dell’epoca, l’apnea, praticata con la pesca subacquea.

Alessandro il nostro maestro Yoga!

Insegno da 10 anni e mi piace dire che sono io che apprendo dalle persone che vengono a praticare, in uno scambio reciproco di esperienze e conoscenza.

Quello che insegno è Hatha Yoga o Yoga del Fisico: una unione di gesti e posizioni coordinati dalla nostra mente e dal cuore.

Ed il leitmotiv dello Yoga è che chiunque faccia qualcosa con il Cuore unito alla Mente, che sia cucinare, studiare, lavorare, dipingere, scrivere o praticare sport, si può ritenere uno Yogi.

 

Seguici anche su Instagram dove pubblicheremo foto di alcune tra le posizioni più importante dello Yoga e la spiegazione della loro esecuzione e funzione!


Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *